RISTRUTTURAZIONE ED AMPLIAMENTO DI UN EDIFICIO STORICO - ASOLO (TV)

L’edificio originario apparteneva al compositore veneziano Gianfrancesco Malipiero (1882-1973), asolano d’adozione, che qui usava ospitare amici artisti provenienti da tutta Europa. L’edificio storico si trovava in gravi condizioni di abbandono e per questo è stato dapprima consolidato e poi recuperato nella sua forma originaria tramite l’eliminazione delle superfetazioni successive. Si è poi proceduto alla restituzione dei fori tamponati nel tempo e al recupero dell’intonaco originale. Le cornici in pietra di Nanto (ora detta pietra di Vicenza) sono state recuperate ove possibile, così come i coppi in cotto della copertura.

Il progetto dell’ampliamento è stato realizzato in modo tale da lasciare in risalto l’edificio storico; il nuovo volume infatti, si affianca all’esistente separandosi visivamente da esso tramite una sottile fascia vetrata che all’interno inquadra il corridoio di distribuzione. Nel nuovo volume di ampliamento è alloggiata una stretta fascia di servizi distribuita su tutta la sua lunghezza fino a formare una sorta di “muro scavato” punteggiato da rare aperture ricavate da rotazioni all’interno del suo spessore. Il dialogo tra vecchio e nuovo, tra tradizione e modernità trova il suo punto di contatto nell’utilizzo degli stessi materiali costruttivi tradizionali per entrambi i fabbricati: l’intonaco locale miscelato con sabbia Erega, i serramenti e gli scuri in legno, i davanzali e le scossaline in pietra di Vicenza e la pavimentazione esterna in pietra d’Istria che avvolge in un nastro continuo l’intero sedime dell’intervento.

PUBBLICATO NELLA RIVISTA“RIABITA”-N° IX- SETTEMBRE 2010


SCHEDA DELL’INTERVENTO
PROGETTO ARCHITETTONICO: ARCH. PAOLA CATTANEO
DIREZIONE LAVORI: ARCH. PAOLA CATTANEO
PROGETTO STRUTTURALE: ING. CARLO TITTON CON ARCH.GIANSILVIO GIRARDI-STUDIO SA04
IMPRESA: ADICO COSTRUZIONI